Stefano Ferrari presenta: “Alberto Braglia l’atleta del re”

Lunedì 7 dicembre 2020 ore 18:30
Evento On-Line

Diretta streaming sulla pagina Facebook della Libreria dei Contrari
Dialogherà con l’autore Giuseppe “Leo” Leonelli.

“Alberto Braglia l’atleta del re” – Ed. Minerva

Alberto BragliaAlberto Braglia (Modena, 23 aprile 1883 – Modena, 5 febbraio 1954), è stato il più grande ginnasta italiano, l’unico capace di vincere l’oro in almeno due diverse edizioni olimpiche da atleta, di ripetersi da allenato-re, di essere protagonista nelle edizioni sperimentali a cinque cerchi, di uscire imbattuto per un decennio dalle competizioni internazionali.
Pioniere della tecnica sul cavallo con maniglie, nella storia della ginnastica solo per Braglia è accaduto che i giudici si siano rifiutati di valutare le prove con i voti, sostituendoli con i giudizi, come “Magnifico”, “Insuperabile”, “Fantastico”, tanta era la sua superiorità. Premiato dai sovrani di tutto il mondo, osannato in ogni angolo del pianeta, Braglia è stato protagonista di una vita leggendaria fatta di ripetute cadute e rapide riprese, episodi al limite del grottesco e che spesso hanno avuto dell’incredibile, il tutto segnato da un destino che lo ha visto soccombere nei modi più tremendi e rialzarsi nelle maniere più imprevedibili.

Alberto Braglia, alfiere della Società Panaro di Modena, viene squalificato a vita per presunto professionismo e poi riabilitato, premiato dal Re d’Italia ma anche ineffabile saltimbanco nei teatri, emigrante di lusso in America ai tempi di Rodolfo Valentino e ambito dal cinema, rovinato da faccendieri senza scrupoli e creduto morto, finito a chiedere elemosina sotto i portici della sua città e, infine, a lavorare come custode nella palestra che porta il suo nome, dove conosce la fine dei suoi giorni.
Nel 1957, dopo un referendum, il Comune di Modena gli ha intitolato lo stadio cittadino, fra i rari casi in Italia di impianti che non portino il nome di un calciatore.
Alberto Braglia, l’atleta del Re: una straordinaria persona comune.

Stefano FerrariStefano Ferrari, classe ’69, modenese trapiantato a Bologna, è un giornalista professionista dal 2003, pubblicista dal 1995. Redattore di Trc, corrispondente da vent’anni del “Corriere dello Sport – Stadio”, ha fatto l’inviato, il telecronista, il conduttore, il ghostwriter e lo scrittore. Si deve a lui la scoperta della casa natale di Enzo Ferrari. Allievo di Valerio Riva che lo porta in Mondadori, ha scritto migliaia di articoli e alcuni libri: fra questi, Ricordando Altavilla, l’uomo che salvò la vita a Enzo Ferrari (Pontegobbo 2000), Capitan Pastene. Una terra di Promesse (Logos-Yema 2004), Corre la Pace (Artestampa 2006), le due edizioni di Su e giù dal Podio (Pontegobbo 2013-14).